X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ampliato il reverse charge nel settore edile

La legge di stabilità 2015 ha esteso l’inversione contabile ai servizi di pulizia, di demolizione e di completamento relativi ad edifici

/ Emanuele GRECO

Venerdì, 9 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 1 comma 629 della legge di stabilità 2015 (legge 23 dicembre 2014 n. 190) ha esteso a nuove fattispecie il meccanismo di assolvimento dell’IVA del c.d. “reverse charge”. L’estensione del reverse charge di cui all’art. 17 comma 6 del DPR 633/72 riguarda operazioni che, sinteticamente, possono essere ricondotte a tre diversi settori di attività:
- il settore edile;
- il settore energetico (trasferimenti di quote di emissioni di gas serra, trasferimenti di certificati relativi al gas e all’energia elettrica, cessioni di gas e di energia elettrica a soggetti passivi rivenditori);
- la grande distribuzione organizzata (cessioni di beni nei confronti di ipermercati, supermercati e discount alimentari).

Il nuovo meccanismo impositivo è applicabile per le ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU