ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Se la ristrutturazione non è ultimata nei 18 mesi non c’è forza maggiore

Lo chiarisce la Corte di Cassazione, affermando la decadenza dall’agevolazione prima casa

/ Anita MAURO

Venerdì, 13 marzo 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il contribuente che, avendo usufruito dell’agevolazione prima casa all’acquisto di un immobile, non abbia, però, rispettato l’impegno, assunto in atto, di trasferire la residenza nel Comune in cui si trova l’immobile agevolato nei 18 mesi successivi al rogito, non può evitare la decadenza dall’agevolazione affermando che il trasferimento della residenza sia stato impedito dal protrarsi dei lavori di ristrutturazione, atteso che ciò non configura un’ipotesi di “forza maggiore”.

A distanza di pochi giorni, la Cassazione torna, con la sentenza n. 5015, depositata ieri, a pronunciarsi sulla “forza maggiore” nell’ambito dell’agevolazione prima casa (sullo stesso tema, si veda “Prima casa, le lungaggini burocratiche non ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU