Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il raddoppio dei termini coesiste con l’assoluzione del contribuente

Pubblicata la prima sentenza della Cassazione sul raddoppio dei termini: per i giudici, anche l’archiviazione è irrilevante

/ Giovambattista PALUMBO

Martedì, 19 maggio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9974 del 15 maggio 2015, si è occupata, a quanto pare per la prima volta ex professo, della delicata questione del raddoppio dei termini in caso di denuncia penale. Tale pronuncia, peraltro, nel corpo della stessa sentenza richiama, a conferma della propria decisione, la delega fiscale.

La Suprema Corte cita in particolare la sentenza n. 247/2011 della Corte Costituzionale, evidenziando che:
- il raddoppio dei termini consegue dal mero riscontro di fatti comportanti l’obbligo di denuncia penale, indipendentemente dall’effettiva presentazione della denuncia o dall’inizio dell’azione penale;
- l’obbligo di denuncia sorge anche ove sussistano cause di non punibilità impeditive della prosecuzione delle indagini penali e il cui ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU