X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

CFC «non black list», fissati i criteri per la tassazione effettiva estera

Per la tassazione domestica «virtuale» rilevano l’IRES e le relative addizionali

/ Luisa CORSO e Gianpaolo VALENTE

Sabato, 17 settembre 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella giornata di ieri, 16 settembre 2016, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il provvedimento n. 143239/2016, volto a disciplinare i criteri di determinazione del livello di tassazione effettiva nello Stato estero ai fini dell’applicazione della disciplina CFC alle società controllate residenti in Stati a fiscalità ordinaria, compresi gli Stati Ue o aderenti allo SEE.
L’art. 167 comma 8-bis del TUIR dispone, infatti, la tassazione per trasparenza dei redditi prodotti dalle suddette controllate estere non black list qualora congiuntamente:
- siano assoggettate a tassazione effettiva inferiore a più della metà rispetto a quella cui sarebbero state soggette ove residenti in Italia (lett. a);
- abbiano conseguito proventi derivanti per più del 50% da “passive income”

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU