X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 31 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Basta lo scontrino «parlante» per detrarre le spese veterinarie

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, ai fini della detraibilità, non occorre più la prescrizione del veterinario

/ Massimo NEGRO e Simone SUMA

Martedì, 28 febbraio 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

È possibile detrarre le spese relative all’acquisto di farmaci veterinari senza la prescrizione medica purché le stesse siano certificate da scontrino parlante. Tale beneficio non è invece applicabile alle spese sostenute per i mangimi speciali per animali da compagnia, anche se prescritti dal veterinario.
Sono questi i principali chiarimenti resi dall’Agenzia delle Entrate, con la ris. 27 febbraio 2017 n. 24, con riferimento alla detrazione IRPEF del 19% prevista per le spese veterinarie ai sensi dell’art. 15 comma 1 lett. c-bis) del TUIR.

Il primo quesito oggetto della risoluzione attiene, in particolare, alla possibilità di portare in detrazione dall’IRPEF le spese relative ai medicinali per i quali non è previsto l’obbligo di prescrizione da parte del veterinario, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU