X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Sui regimi fiscali privilegiati «speciali» indicazioni insufficienti

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Lunedì, 29 maggio 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

A seguito dell’intervento recato dalla L. n. 208/2015, l’identificazione entro la disciplina CFCblack” di quelli che un tempo, in un contesto ben diverso da quello attuale, erano chiamati paradisi fiscali, non è più affidata a una lista, e nello specifico al DM 21 novembre 2001.
L’attuale combinato disposto dei commi 1 e 4 dell’art. 167 del TUIR, infatti, prevede che “i regimi fiscali, anche speciali, di Stati o territori si considerano privilegiati laddove il livello nominale di tassazione risulti inferiore al 50 per cento di quello applicabile in Italia”, purché gli stessi si collochino al di fuori dell’Unione europea e dello Scambio economico europeo c.d. “trasparente”.

Tale principio è peraltro valevole, tra gli altri, anche ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU