X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’ammissione al concordato preventivo esclude l’omessa IVA

Rileva l’omologazione prima del termine di pagamento; altrimenti diviene sequestrabile «direttamente» alla società l’importo non versato

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 10 gennaio 2018

La Cassazione, nella sentenza n. 268, depositata ieri, torna sulla configurabilità del reato di omesso versamento IVA (art. 10-ter del DLgs. 74/2000) in relazione alla procedura di concordato preventivo, nonché su taluni profili del sequestro preventivo del profitto dei reati tributari, in funzione della successiva confisca.

Quanto al primo aspetto, si ribadisce come l’ammissione al concordato preventivo escluda il reato solo se antecedente alla scadenza del termine penalmente previsto. È questa la soluzione adottata, tra le altre, anche dalle decisioni nn. 15853/2015 e 22127/2015.
Si è sottolineato come il concordato preventivo, pur scaturendo da un impulso del debitore, non resti confinato in un ambito privatistico, sfociando in quello pubblicistico. Si snoda in un percorso giurisdizionale

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU