X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IMPRESA

L’adozione tardiva del modello 231 consente il patteggiamento

Tale decisione incide sulla riparazione e sul pericolo di reiterazione, giustificando l’esclusione di possibili misure interdittive

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 18 aprile 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 63 del DLgs. 231/2001 disciplina il c.d. “patteggiamento” di una società o di un ente nell’ambito di un procedimento avviato a seguito di uno dei reati-presupposto previsti nel decreto stesso.
Tale rito alternativo, mutuato dal processo penale nei confronti delle persone fisiche (art. 444 c.p.p.), sta diventando piuttosto frequente nel caso di contestazioni della responsabilità a grandi società, anche al fine di evitare i danni reputazionali e l’alea connessi allo svolgimento del procedimento.

Le condizioni per l’ammissione al rito di applicazione della sanzione su richiesta delle parti ricorrono quando: per l’illecito amministrativo è prevista la sola sanzione pecuniaria; per l’imputato del reato presupposto il giudizio è stato definito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU