X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 ottobre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

Il rischio politico mette sotto pressione le banche

I livelli raggiunti dagli spread e dai rendimenti implicano uno scenario preoccupato per le sorti dell’Unione europea

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 26 maggio 2018

La settimana è stata caratterizzata da alta volatilità dovuta alla situazione politica in Italia e al rinvio dell’incontro Usa-Corea del Nord. E pensare che era iniziata bene con il rasserenamento dei rapporti tra Cina e Usa sul fronte dei dazi.

Netto il rialzo dei rendimenti Btp, rialzo che ha riguardato tutta la curva: il decennale è al 2,51% dal 2,22% di venerdì scorso; il due anni è allo 0,56% da 0,08%, segnale inquietante. La media del Btp 2 anni relativa al 16-17 è stata sempre negativa e intorno a -0,20% quella 2018. Visto il calo del Bund 2 anni (-0,66%), lo spread Btp-Bund 2 anni sale a 120 bps, livello che non si vedeva da febbraio 2017. Le medie erano sotto questo livello (120) dal 2014. Lo spread sui 10 anni è a 210 bps (segui tassi e costo del funding su www.ildirettorefinanziario.it ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU