X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Incostituzionale il divieto di opposizione all’esecuzione

L’art. 57 del DPR 602/73 non può cancellare la difesa quando viene meno il diritto di escutere il contribuente

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 1 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 114 depositata ieri, la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo l’art. 57 del DPR 602/73, nella parte in cui prevede che, nell’espropriazione forzata esattoriale, non sono ammesse le opposizioni all’esecuzione.
Sussiste infatti una completa lesione della difesa nel passaggio di giurisdizione, da tributaria a ordinaria.

L’art. 2 del DLgs. 546/92, nel limitare i confini esterni della giurisdizione tributaria, stabilisce che per gli atti successivi alla notifica della cartella di pagamento e dell’intimazione ad adempiere ex art. 50 del DPR 602/73 sussiste la giurisdizione ordinaria.
Dal canto suo, l’art. 57 del DPR 602/73 sancisce che, nell’esecuzione esattoriale, “non sono ammesse: a) le opposizioni regolate dall’articolo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU