X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

FISCO

Stop della Ue al reverse charge nei rapporti tra consorzi e consorziati

La Commissione comunica al Consiglio il diniego alla specifica autorizzazione in favore dell’Italia

/ Vincenzo CRISTIANO e Emanuele GRECO

Venerdì, 22 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Commissione europea, con la comunicazione n. 484/2018 rilasciata ieri, ha ritenuto che non sussistono i presupposti (comunitari) per poter riconoscere in favore dell’Italia una misura di deroga che la autorizzi a prevedere l’applicazione del reverse charge alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi rese ai consorzi da parte dei consorziati.

La legge di stabilità 2016 (L. 208/2015) ha infatti esteso, previa autorizzazione comunitaria, il meccanismo del reverse charge alle prestazioni di servizi rese dalle imprese consorziate nei confronti del consorzio di appartenenza che si è reso aggiudicatario di una commessa nei confronti di un ente pubblico al quale il predetto consorzio emette fattura in applicazione dello split payment.
A tal fine è stata inserita la lettera a-quater ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU