ACCEDI
Lunedì, 24 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Stop della Ue al reverse charge nei rapporti tra consorzi e consorziati

La Commissione comunica al Consiglio il diniego alla specifica autorizzazione in favore dell’Italia

/ Vincenzo CRISTIANO e Emanuele GRECO

Venerdì, 22 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Commissione europea, con la comunicazione n. 484/2018 rilasciata ieri, ha ritenuto che non sussistono i presupposti (comunitari) per poter riconoscere in favore dell’Italia una misura di deroga che la autorizzi a prevedere l’applicazione del reverse charge alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi rese ai consorzi da parte dei consorziati.

La legge di stabilità 2016 (L. 208/2015) ha infatti esteso, previa autorizzazione comunitaria, il meccanismo del reverse charge alle prestazioni di servizi rese dalle imprese consorziate nei confronti del consorzio di appartenenza che si è reso aggiudicatario di una commessa nei confronti di un ente pubblico al quale il predetto consorzio emette fattura in applicazione dello split payment.
A tal fine è stata inserita la lettera a-quater ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU