X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 24 settembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

Sostegno ai mercati dall’accordo Ue sui migranti

Resta alta l’incertezza sull’Italia e sulle banche con gli indicatori del costo del funding in rialzo; possibile un aumento dei costi sui finanziamenti

/ Stefano PIGNATELLI

Sabato, 30 giugno 2018

L’accordo al vertice europeo sui migranti, per quanto vago, ha fornito ieri sostegno ai mercati.
La settimana è stata caratterizzata dalla guerra dei dazi, dal rischio politico in Europa e dai timori di un possibile inasprimento delle regole europee sullo smaltimento dei non performing loan. Una situazione poco serena che si ripercuote in giornate altalenanti sulle borse e in qualche acquisto legato al flight to quality sull’obbligazionario.

I rendimenti “core” (Bund, Irs, Bond Usa) continuano a beneficiare della situazione per scendere rispetto a una settimana fa. Decisamente poco mossi i tassi Irs. Il decennale tedesco è allo 0,31% da 0,35%, l’interest rate swap scende di 2 bp allo 0,88% (segui tassi e spread su www.ildirettorefinanziario.it).

In chiave rendimenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU