X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL CASO DEL GIORNO

L’omissione della quantità di frutti acquistati non blocca la detrazione IVA

/ Angelo Carlo COLOMBO e Vincenzo CRISTIANO

Martedì, 17 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

In ambito agricolo, gli operatori si trovano spesso ad avere a che fare con le specificità proprie di alcune tipologie di contratti caratteristici del settore. Ci si propone dunque di esaminare sotto il profilo IVA una tipologia di contratto che si ritiene possa presentare alcune peculiarità, ossia il contratto di vendita di frutti pendenti.

Al riguardo, giova evidenziare che dalla normativa e giurisprudenza di riferimento non risulta un regime IVA specifico ma una diversa impostazione del “presupposto temporale” ai fini IVA, ex art. 6 del DPR 633/72, con ricadute in punto di fatturazione e detrazione IVA.

In termini generali, l’operazione rientra nella categoria della vendita di cosa futura; vale a dire fra quelle cessioni che hanno ad oggetto un bene non individuabile immediatamente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU