X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’IVA errata, possibile la responsabilità contrattuale

Le conseguenze dell’IVA addebitata in eccesso non sono solamente tributarie

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 18 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Su Eutekne.info si è accennato al tema della natura della responsabilità del cedente per i danni cagionati al cessionario in seguito all’applicazione errata dell’IVA (si veda “Il cedente deve risarcire i danni al cessionario per l’IVA indebita” del 16 luglio 2018).

Riprendendo le fila del discorso, in un’ottica più generale, può dirsi che il tema della “rivalsa ingiusta” si identifica nella questione che sorge tra il rivalsante e il rivalsato, ogni qual volta, sul piano dei rapporti interni, venga messa in discussione la correttezza dell’imposta.

Il problema sussiste in tutti i casi in cui il rivalsato non abbia in concreto il diritto alla detrazione (perché il cedente non ha assolto l’imposta ex art. 6 comma 6 del DLgs. 471/97; o perché ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU