X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Violazioni degli intermediari sanabili sino al 29 gennaio 2019

Se ci si ravvede entro il 30 novembre, sanzione dimezzata

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 19 novembre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Scaduto ormai il termine del 31 ottobre 2018, relativo alla presentazione delle dichiarazioni dei redditi, IRAP e del sostituto d’imposta, può essere opportuno interrogarsi su alcuni aspetti relativi alle sanzioni, irrogabili nei confronti degli intermediari abilitati, come conseguenza della tardiva oppure omessa trasmissione delle dichiarazioni stesse.

Rammentiamo che, per effetto dell’art. 7-bis del DLgs. 241/97, se la trasmissione è omessa o tardiva, all’intermediario abilitato, in via autonoma rispetto al contribuente, è irrogata una sanzione da 516 euro a 5.164 euro.
Trattandosi di sanzione di natura tributaria, non vi sono dubbi sul fatto che sia sanabile mediante ravvedimento operoso.

Prescindendo dalla correttezza della seguente affermazione, per le Entrate il ravvedimento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU