X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 gennaio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

Il socio che distrae i compensi per il lavoro è punibile per bancarotta

Spetta al giudice fissare la quota di proventi necessari al mantenimento del fallito che non deve essere conferita al fallimento

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 12 gennaio 2019

Piuttosto dibattuto in dottrina e giurisprudenza è il tema dell’elemento soggettivo del reato di bancarotta fraudolenta (fattispecie che continuerà immutata anche al momento dell’entrata in vigore del nuovo Codice della crisi di impresa, si veda “Misure premiali penali solo con tempestività nella gestione della crisi” dell’11 gennaio).

La Cassazione è tornata su questo argomento con la sentenza n. 1295 depositata ieri, in un caso in cui era contestato il reato di bancarotta fraudolenta post-fallimentare al socio illimitatamente responsabile di una snc, dichiarata fallita, per aver distratto parte dei compensi percepiti a titolo di retribuzione dell’attività lavorativa prestata, senza autorizzazione del giudice delegato.

L’art. 216 comma 2 del RD 267/1942 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU