X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Indicatori della crisi tarati sulle società di capitali

Nessuna forma di pubblicità per imprenditori individuali e società di persone, con ripercussioni sull’esercizio della deroga normativa

/ Michele BANA

Mercoledì, 17 aprile 2019

L’art. 2 del DLgs. 14/2019 (“Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”), in vigore dal 15 agosto 2020, definisce lo stato di crisi come la situazione di difficoltà economico-finanziaria che rende probabile l’insolvenza del debitore, e che per le imprese si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate: emerge, pertanto, il ruolo centrale e indispensabile del piano industriale e finanziario.

L’art. 13 del DLgs. 14/2019, anch’esso in vigore dal 15 agosto 2020, stabilisce, inoltre, al comma 1 che lo stato di crisi è rilevabile attraverso appositi indici, idonei ad evidenziare la sostenibilità dei debiti per almeno i sei mesi successivi e le prospettive di continuità aziendale

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU