X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Perizia di «falcidia» dei privilegiati legata ai fatti dopo la domanda di concordato

È opportuno che lo stimatore consideri gli eventi, rilevanti per la valutazione, avvenuti durante la fase interinale

/ Gilberto MONTECCHI e Michele BANA

Giovedì, 9 maggio 2019

Nell’ambito della proposta di concordato preventivo, indipendentemente dal fatto che il piano sia liquidatorio o con continuità aziendale, la relazione giurata di stima del professionista indipendente prevista dall’art. 160 comma 2 del RD 267/42 è volta a individuare e valutare i beni oggetto di garanzia (privilegio speciale o generale, pegno o ipoteca) incapiente, per permettere di stabilire – in conseguenza dei risultati in essa contenuti – la misura minima della percentuale di soddisfazione offerta ai creditori prelatizi, al di sotto della quale la proposta non può essere ammessa. Lo scopo di tali perizie è, quindi, quello di fornire la stima, “avuto riguardo al valore di mercato attribuibile ai beni o diritti sui quali sussiste la causa di prelazione”, di quanto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU