X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 22 settembre 2019

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Stress test indispensabile nel concordato preventivo

La proposta deve fronteggiare le analisi di sensitività sulle proiezioni, ma la proliferazione di scenari complica la comprensione del piano

/ Gilberto MONTECCHI

Giovedì, 13 giugno 2019

I piani di risanamento e, dunque, quelli di concordato preventivo, secondo le best practice in materia devono contenere un’analisi di sensitività, al fine di fornire indicazioni circa la tenuta prospettica del piano dal punto di vista economico e, soprattutto, finanziario. Le analisi di sensitività (o “di sensibilità”) si estrinsecano, infatti, nello stimare come si modificano i valori del piano al verificarsi di variazioni nelle ipotesi di fondo (what-if analysis), quali, a puro titolo di esempio, scostamenti nei volumi di vendita, nei prezzi, nei cost savings, nei tempi di incasso dai clienti o di pagamento ai fornitori.
Quando l’analisi di sensitività viene fatta modificando i dati in senso peggiorativo, si parla di stress test. L’impatto che ha ogni singola ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU