X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 22 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Difetto di rappresentanza dell’ente sanabile in corso di giudizio

L’art. 182 c.p.c. prevale sull’art. 18 del DLgs. 546/92 quindi il ricorso tributario è ammissibile se il vizio processuale è sanato dal ricorrente

/ Dario AUGELLO

Venerdì, 5 luglio 2019

Con l’ordinanza n. 17986 depositata ieri la Cassazione stabilisce due importanti principi di diritto.
Da un lato, nel processo tributario si applica l’art. 182 c.p.c. e pertanto può essere sanato nel corso del giudizio l’eventuale difetto di rappresentanza dell’ente.

Dall’altro lato, in caso di estinzione dell’ente, nel regime anteriore all’entrata in vigore dell’art. 28, comma 4 del DLgs. 175/2014, i soci possono proseguire il giudizio, se hanno interesse, costituendosi in giudizio. Tuttavia in questo caso i soci diventano debitori personalmente, anche agli effetti dell’art. 36 del DPR 602/73, ed è quindi posto a loro carico l’onere di provare la mancata assegnazione di beni sociali nei due anni precedenti la messa in liquidazione e

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU