X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Non punibilità per omesse ritenute previdenziali anche in concordato

La procedura a cui la società inadempiente dovesse essere nel frattempo ammessa non impedisce la causa ex art. 2 comma 1-bis del DL n. 463/83

/ Stefano COMELLINI

Giovedì, 18 luglio 2019

La causa di non punibilità, prevista dall’art. 2 comma 1-bis del DL n. 463/1983, a fronte del pagamento nel termine trimestrale dei contributi previdenziali e assistenziali non onorati alla scadenza, non è impedita dalla procedura di concordato preventivo a cui la società inadempiente dovesse essere nel frattempo ammessa. Il principio è contenuto nella sentenza n. 31327 depositata ieri dalla Cassazione.

Nel caso di specie, il ricorrente, legale rappresentante di una società di rilevanti dimensioni, aveva omesso il versamento dei contributi sulle retribuzioni dei dipendenti. La notifica dell’accertamento della violazione, da cui decorre ex lege il termine di tre mesi per il pagamento, era avvenuta in data antecedente (sia pure per pochi giorni) al provvedimento del Tribunale di ammissione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU