X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

FISCO

Spetta al deposito fiscale dimostrare l’uscita dallo Stato dei prodotti alcolici

Occorre fornire la prova anche dell’assunzione dell’obbligazione tributaria da parte del destinatario

/ Lorenzo UGOLINI

Lunedì, 29 luglio 2019

Il titolare del deposito fiscale è responsabile del pagamento delle accise gravanti sui prodotti alcolici che circolano in regime sospensivo se manca la prova dell’uscita della merce dal territorio nazionale.
Tale principio è stato espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 15635/2019, che si è pronunciata in merito a una fattispecie in cui il depositario, a seguito di una verifica della Guardia di Finanza, non era riuscito a dimostrare che le bevande alcoliche erano state trasportate in un altro Stato membro dell’Ue.

In particolare, nel caso in esame, il documento amministrativo di accompagnamento (DAA) era risultato falso, in quanto conteneva solo l’autocertificazione del destinatario dell’arrivo della merce, ma non anche l’attestazione dell’autorità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU