X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La differenza tra POS e scontrini non basta per presumere ricavi non dichiarati

Illegittima anche la percentuale di ricarico sulle vendite

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 22 agosto 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito delle verifiche condotte nei confronti degli esercenti attività di commercio al minuto, i verificatori fiscali sono soliti esaminare le risultanze delle transazioni compiute tramite POS, incrociandone i dati con quelli dei documenti fiscali (scontrini, ricevute e fatture) per contestare l’esistenza presunta di ricavi non dichiarati, ogni qualvolta l’ammontare degli incassi POS superi quello oggetto di scontrini fiscali.

Si presumono ricavi, tali da legittimare il recupero a tassazione, le somme emergenti dalle movimentazioni bancarie che non sono transitate in contabilità (Cass. 1 luglio 2015 n. 13494). La “divergenza” tra l’ammontare complessivo giornaliero dei corrispettivi indicati nel giornale di fondo ed i pagamenti ricevuti con POS rende ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU