X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 20 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Esteso alle unioni civili il regime per i collaboratori familiari

Tale regime è invece inapplicabile nel caso di convivenza more uxorio

/ Mario PAGANO

Sabato, 31 agosto 2019

Ci si può chiedere se sia possibile lavorare nell’impresa gestita da un proprio parente, a quali condizioni e quali possano essere le conseguenze sul piano ispettivo. Per rispondere a questi interrogativi è utile fare riferimento a due note dell’allora Direzione Generale per l’Attività Ispettiva in materia di obblighi previdenziali ed assicurativi, riferiti ai cosiddetti collaboratori familiari.

Con la nota n. 10478 del 10 giugno 2013 il Ministero del Lavoro era intervenuto sui presupposti dell’obbligo previdenziale nei settori dell’artigianato, dell’agricoltura e del commercio, soprattutto nelle ipotesi in cui la prestazione del familiare avesse rivestito i caratteri dell’occasionalità. In tal senso, la nota sottolineava come l’obbligo previdenziale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU