X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 21 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

In arrivo gli avvisi bonari per aziende e lavoratori agricoli autonomi

/ REDAZIONE

Sabato, 21 settembre 2019

L’INPS, con messaggio n. 3398/2019 pubblicato ieri, comunica l’inizio delle elaborazioni per l’emissione degli avvisi bonari relativi alla gestione agricoltura.

Gli avvisi bonari potranno essere consultati direttamente dai coltivatori diretti, dai coloni e mezzadri e dagli imprenditori agricoli professionali, o dall’intermediario delegato, accedendo all’interno del “Cassetto Previdenziale Autonomi in Agricoltura” (sezione “Recupero Crediti” – “Avvisi Bonari”), e dal “Cassetto Previdenziale Aziende Agricole” per le aziende assuntrici di operai agricoli a tempo determinato e indeterminato.

Attraverso l’avviso bonario sarà possibile conoscere i l’importo dei debiti relativi ai contributi previdenziali e assistenziali, nonché le somme aggiuntive, riferiti ai periodi richiesti con l’emissione dell’anno 2018 per gli autonomi, mentre per le aziende agricole i periodi riguardanti il 3° e il 4° trimestre dell’anno 2017 e il 1° e 2° dell’anno 2018.
Inoltre, all’interno dell’avviso bonario sarà presente un allegato contenente le istruzioni per la compilazione del modello F24 o per richiedere la rateazione del debito.

Nel caso in cui il contribuente abbia già ottemperato al pagamento degli importi dovuti, potrà comunicarlo attraverso il modulo presente all’interno dell’apposito Cassetto previdenziale (sezione “Comunicazione bidirezionale”, “Invio Comunicazioni”, “Pagamento effettuato”) allegando una copia del versamento o riportando gli estremi dello stesso.
L’Istituto ricorda infine che, qualora il contribuente non proceda con il versamento delle somme indicate nell’avviso bonario, l’importo sarà richiesto tramite l’emissione di un avviso di addebito con valore esecutivo.

TORNA SU