X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la rappresentanza in dogana conta il codice in dichiarazione

La rappresentanza indiretta è indicata nella casella 14 con il numero 3 e, in questo caso, si configura un vincolo di responsabilità solidale

/ Lorenzo UGOLINI

Lunedì, 18 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il rappresentante non può affermare di agire in nome e per conto dell’importatore se all’atto dello sdoganamento, in sede dichiarativa, ha indicato il codice della rappresentanza indiretta. In concreto, tale analisi deve essere condotta dal giudice di merito, il quale deve verificare se, al momento della spendita del nome, il rappresentante avesse i poteri.
Tale principio è stato espresso dalla Corte di Cassazione, che, con l’ordinanza n. 26925/2019, ha ritenuto sussistente la responsabilità solidale dello spedizioniere.

La vicenda processuale trae origine da una rettifica, da parte dell’Amministrazione doganale, del valore di transazione dichiarato all’importazione, in quanto il contribuente non avrebbe tenuto in considerazione, nella base imponibile, ulteriori ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU