X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Settore edile tra i più modificati dalle nuove tariffe INAIL

Nell’industria scompare la divisione tra ambito civile e industriale

/ Fabrizio VAZIO

Lunedì, 18 novembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le nuove tariffe INAIL hanno cambiato molte logiche classificative consolidate negli anni oltre ad intervenire in modo significativo sui tassi di premio.

Uno dei settori più mutati è quello dell’edilizia, in primis perché il tasso medio è stato comunque ridotto, atteso, fra l’altro, che il c.d. taglio delle “punte” ha provocato la discesa del tasso più elevato dal 130 per mille al 110.
Va ricordato, peraltro, che in edilizia ha inciso significativamente il mancato rinnovo della riduzione prevista per il relativo settore dall’art. 29 comma 2 del DL 244/95.

Non sfugge poi la particolare rilevanza della cancellazione della riduzione prevista dall’art. 1 comma 128 della L. 147/2013 che, essendo a percentuale sul premio, assumeva in ambito edile una valenza decisamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU