X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per il debitore e i familiari conviventi diritto di restare nell’immobile pignorato

Lo Studio del Notariato n. 20-2019/T esamina le criticità derivanti dal nuovo art. 560 c.p.c.

/ Simona BORIA

Venerdì, 29 novembre 2019

Tra le novità introdotte in sede di conversione del DL 135/2018 dalla L. 12/2019, si rinviene l’integrale riformulazione dell’art. 560 c.p.c., in materia di esecuzioni immobiliari.
Tuttavia, la riscrittura della norma in parola, raffrontata con la previgente formulazione, appare foriera di una serie di questioni interpretative.

Sul punto, è intervenuto il Consiglio nazionale del Notariato, con lo Studio n. 20-2019/E, con il dichiarato intento di segnalare le criticità interpretative sollevate dalla sua riformulazione e illustrare possibili ricostruzioni e soluzioni applicative.

Tra i profili oggetto di disamina si rinviene quello relativo alla tutela offerta al debitore e ai suoi familiari conviventi di abitare l’immobile pignorato, senza una espressa autorizzazione in tal senso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU