X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 19 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Oneri detraibili parametrati e soggetti a tracciabilità non coincidenti

I due limiti all’agevolazione introdotti dalla L. 160/2019 riguardano in gran parte le stesse spese, ma alcune differenze possono generare confusione

/ Arianna ZENI

Sabato, 11 gennaio 2020

Con riguardo alle detrazioni per oneri, la L. 160/2019 (legge di bilancio 2020) contiene due norme che limitano le agevolazioni spettanti se il reddito supera una determinata soglia e se il pagamento non avviene con strumenti “tracciabili”.
Seppur le spese interessate dalle novità siano in gran parte le stesse, vi sono delle differenze che possono generare confusione.

La prima norma in argomento è quella contenuta nel comma 629 dell’art. 1 della L. 160/2019 che stabilisce che, dal 1° gennaio 2020, le detrazioni IRPEF previste dall’art. 15 del TUIR spettano interamente se il reddito complessivo non supera i 120.000 euro, mentre se tale importo viene superato la detrazione è parametrata all’ammontare del reddito fino a quando non superi i 240.000 euro (si veda “ ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU