X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 28 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Plafond utilizzabile anche per beni e servizi destinati a completare un fabbricato

/ REDAZIONE

Mercoledì, 29 gennaio 2020

Con la sentenza n. 1852 depositata ieri, 28 gennaio 2020, la Corte di Cassazione ha sancito che gli esportatori abituali possono acquistare beni mobili e prestazioni di servizi in regime di non imponibilità IVA, anche se gli stessi sono poi utilizzati per fabbricati e aree fabbricabili acquisiti per effetto di autonome cessioni.

Nel caso esaminato era stata negata l’applicazione del predetto regime, di cui all’art. 8 comma 1 lett. c) del DPR 633/72, per l’acquisto di beni e servizi, da parte di una società, relativi a lavori effettuati in base a un contratto di appalto stipulato da tale soggetto per la costruzione di un opificio industriale.

La Corte di Cassazione ha rilevato, tuttavia, che i citati acquisti non possono essere ricondotti alla fattispecie della cessione di fabbricati, per la quale è espressamente escluso l’utilizzo del plafond.

La società ha acquistato autonomamente beni mobili e servizi e, con una distinta operazione, conferito mandato di realizzare un bene immobile. Non è possibile considerare unitariamente l’operazione e attrarre al regime di imponibilità IVA applicato alla cessione del fabbricato, da parte del mandatario, anche l’acquisto dei predetti beni mobili e servizi da un altro soggetto.

TORNA SU