X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 30 maggio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Accertamento immobiliare legittimo in caso di discrepanze con i mutui

/ Stefano SPINA

Lunedì, 6 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Gli accertamenti di maggior valore degli immobili hanno sempre destato preoccupazioni nelle parti (venditore o acquirente) delle compravendite immobiliari sia per la “facilità” degli uffici nel motivare le richieste sia, soprattutto, per gli importi che ne derivano in materia di maggiori imposte, sanzioni ed interessi.

Una prima tipologia di accertamenti riguarda gli atti immobiliari assoggettati ad imposta di registro, per i quali la base imponibile, a norma dell’art. 51 comma 2 del DPR 131/86, è costituita dal valore venale in comune commercio alla data dell’atto, mentre il corrispettivo costituisce solo il primo punto di riferimento (art. 51 comma 1 del DPR 131/86), la cui coincidenza con il valore venale dovrà essere verificata dall’Amministrazione (art.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU