ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Revoca del concordato solo per alcuni atti di frode

Prevale il criterio funzionale, rilevano i comportamenti idonei a falsare la corretta formazione della volontà dei creditori

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 9 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella legislazione corrente, tuttora ancorata al RD 267/42 e in attesa di dare ingresso all’organica disciplina del nuovo Codice della crisi (DLgs. 14/2019), grande interesse conserva, all’interno degli istituti di regolazione della crisi e in particolare nel concordato preventivo, la valutazione della condotta che il debitore è tenuto ad assumere.

Il tema da indagare è trattato all’art. 173 L. fall., per effetto del quale “Il commissario giudiziale, se accerta che il debitore ha occultato o dissimulato parte dell’attivo, dolosamente omesso di denunciare uno o più crediti, esposto passività insussistenti o commesso altri atti di frode, deve riferirne immediatamente al Tribunale, il quale apre d’ufficio il procedimento per la revoca dell’ammissione al ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU