X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Raggiunto l’accordo Governo-Regioni, nuove aperture da lunedì

CdM notturno per decidere il via libera alle attività di servizi alla persona e vendite al dettaglio; sulla base dei dati le Regioni potranno integrare l’elenco

/ Barbara SESSINI

Sabato, 16 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Durante la conferenza stampa del 13 maggio scorso, sull’approvazione del decreto “Rilancio”, non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte aveva annunciato che il proseguimento della “fase 2” sarebbe stato disciplinato da un decreto legge.“Sarebbe la soluzione migliore per coinvolgere ancora più intensamente il Parlamento”, aveva affermato. Proprio un decreto legge “Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19” era all’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri di ieri, convocato inizialmente per le 12, poi sospeso – probabilmente per un ulteriore confronto con le Regioni –, ripreso intorno alle 23 e ancora in corso al momento della chiusura del Quotidiano.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU