X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 29 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La concessione dell’immobile al socio senza corrispettivo genera plusvalenza

Secondo la Cassazione, l’operazione è tassata ai fini delle imposte sui redditi e dell’IVA anche senza il trasferimento della proprietà

/ Gianluca ODETTO

Venerdì, 24 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’ordinanza della Cassazione n. 15753 depositata ieri, 23 luglio 2020, ha stabilito che genera plusvalenza, e costituisce operazione rilevante ai fini dell’IVA, la mera concessione in godimento di un immobile civile da una società al proprio socio perché questi lo possa utilizzare ai fini abitativi, pur se non esiste alcun trasferimento della proprietà del bene.

La pronuncia, che ha confermato i due precedenti gradi di giudizio, ha preso le mosse da un accertamento condotto nei confronti di una sas, la quale aveva concesso al socio il godimento dell’immobile senza alcun corrispettivo.
Nel corso del giudizio di merito l’Agenzia delle Entrate aveva eccepito come potessero generare plusvalenze a norma dell’art. 86 comma 1 lettera c) del TUIR tutte le operazioni a fronte ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU