X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Su piattaforma digitale la notifica di atti della P.A. anche in materia tributaria

I professionisti hanno un ruolo nel favorire la graduale trasformazione dei servizi di accesso alla Pubblica Amministrazione

/ Paolo BIANCONE

Lunedì, 17 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’innovazione digitale è al centro del decreto “Semplificazioni” (DL 76/2020) per favorire l’accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione (P.A.) attraverso strumenti telematici a imprese, professionisti e cittadini.
Il legislatore prevede l’accesso ai servizi digitali attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID) e l’applicazione mobile della carta d’identità elettronica (CIE).

Entro il 28 febbraio 2021 tutti gli enti pubblici dovranno progressivamente dismettere i propri sistemi di identificazione on line privilegiando SPID e CIE; rimane la possibilità di utilizzo delle credenziali più semplici fino al 30 settembre 2021.
Per imprese, professionisti e cittadini significherà l’ottenimento di servizi più strutturati a maggiore sicurezza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU