X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Contributo a fondo perduto per IBAN errato alla prova del ricorso

L’unica via consiste nell’impugnare la comunicazione di scarto

/ Alfio CISSELLO e Alessandro COTTO

Sabato, 19 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’istanza per il riconoscimento del c.d. contributo a fondo perduto, disciplinato dall’art. 25 del DL 34/2020, poteva essere presentata sino al 13 agosto 2020.

Alcuni contribuenti si sono visti negare l’erogazione in ragione di questioni inerenti al codice IBAN indicato, vuoi perché non risultava intestato al richiedente il contributo, vuoi in ragione di irregolarità non meglio precisate.
In queste ipotesi, al contribuente va garantita tutela, in quanto il semplice errore consistente nell’indicazione di un IBAN non corretto, non più in uso, che consente addebiti e non accrediti e quant’altro, non può essere espressione di una condotta colposa tale da cagionare la perdita del beneficio.

Talvolta, il contribuente non versa nemmeno in colpa: si pensi alla fattispecie ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU