X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 26 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Dal Corporate Reporting Forum un approccio strategico alla sostenibilità

/ REDAZIONE

Sabato, 24 ottobre 2020

x
STAMPA

Il Corporate Reporting Forum (CRF), iniziativa promossa da ASSIREVI, dal CNDCEC e dal CSR Manager Network e Nedcommunity CRF, ha pubblicato il documento “Creazione di valore e Sustainable Business Model. Approccio strategico alla sostenibilità”, in cui viene affrontata la questione dell’opportunità di un cambiamento radicale e complessivo e di una reinterpretazione del concetto stesso di valore nonché dei processi che lo generano.
Nel lavoro viene evidenziato come, nell’ambito del modello di gestione di ciascuna azienda, sia possibile esaltare gli elementi non finanziari, integrandoli con quelli finanziari, mediante un approccio orientato all’adozione del “Sustainable Business Model”, intorno al quale pianificare e calibrare le diverse politiche e strategie nel perseguimento del “successo sostenibile”.

In tale contesto viene sottolineato come:
- la sostenibilità e la transizione verso un’economia a basso contenuto di carbonio siano elementi fondamentali per garantire la competitività a lungo termine dell’economia;
- le organizzazioni con il maggior potenziale di crescita perseguano strategie orientate alla Corporate Sustainability, che oggi trova la sua evoluzione nel concetto di Corporate Shared Value (CSV).

Si evidenzia come le modalità perseguibili per la creazione del CSV siano le seguenti:
- riconcepire e innovare i prodotti e i servizi valutando i rischi e le opportunità legate alla produzione o all’erogazione di quanto già offerto, per meglio servire i mercati di riferimento o entrare in nuovi mercati non ancora esplorati;
- ridefinire e innovare la produttività della catena del valore incrementando la qualità dei prodotti e/o l’efficienza dei processi produttivi;
- sostenere lo sviluppo dei cluster locali con cui l’impresa entra in contatto tramite l’ammodernamento delle infrastrutture, il supporto ai fornitori locali e il sostegno alle comunità di riferimento, per ottenere un vantaggio competitivo di lungo periodo e promuovere al contempo lo sviluppo sociale.

TORNA SU