X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 24 novembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Ipo-catastali fisse alla dotazione del trust autodichiarato

/ REDAZIONE

Sabato, 31 ottobre 2020

x
STAMPA

Il trasferimento di immobili al trustee, nell’ambito della dotazione del trust, configura un atto fiscalmente neutro, che non può scontare l’imposizione indiretta sui trasferimenti (imposte di registro, sulle successioni e donazioni, ipotecaria e catastale) in misura proporzionale, in quanto determina solo un trasferimento temporaneo e funzionale alla realizzazione del programma del trust.

Ciò vale a maggior ragione per il trust autodichiarato, in cui il trasferimento al trustee non sussiste, in quanto la segregazione del patrimonio separato avviene nello stesso patrimonio del disponente che si nomina trustee.
Solo il trasferimento finale al beneficiario potrà soddisfare il presupposto impositivo di applicazione dell’imposizione proporzionale.

Lo ribadisce la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 24153, depositata ieri, che consolida ulteriormente un orientamento ormai solido.
Viene, quindi, ribadito il superamento di quelle tesi giurisprudenziali che:
- prima (Cass. n. 3735/2015), hanno ipotizzato che l’art. 2 comma 47 del DL 262/2006 avesse istituito una nuova imposta sui vincoli di destinazione, diversa dall’imposta sulle donazioni e non soggetta al presupposto impositivo (il trasferimento e l’arricchimento) di questa ultima;
- poi (Cass. n. 31445/2018), pur negando l’esistenza di una ulteriore imposta sui vincoli di destinazione, hanno operato dei distinguo a seconda delle diverse architetture dell’istituto, ritenendo applicabile il tributo proporzionale alla dotazione del trust ove il beneficiario fosse irrevocabilmente individuato.

TORNA SU