X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

CONTABILITÀ

Incremento dell’indebitamento causa COVID-19 con benefici e rischi

Ha un ruolo importante la capacità di produrre cassa sufficiente a sostenere l’impegno finanziario legato alla restituzione dei capitali ottenuti a prestito

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Lunedì, 9 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La contrazione dei fatturati a causa della pandemia ha causato, anche per effetto degli interventi del Governo che hanno agevolato l’accesso al credito, un incremento dell’indebitamento per molte imprese.
Se per le imprese un corretto livello di indebitamento fisiologico a effettuare investimenti è da valutare positivamente, nel 2020, in molti casi, si è trattato di un indebitamento volto unicamente alla salvaguardia della continuazione dell’attività. L’utilizzo dei finanziamenti a medio-lungo per finanziare il circolante potrebbe originare difficoltà da parte delle imprese quando dovranno iniziare a rimborsare il capitale.

Il tema del giusto livello di indebitamento è complesso e non è possibile trattarlo in poche righe. Si possono però fare alcune considerazioni rilevanti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU