X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

FISCO

Esenzione ICI per il coniuge separato di fatto che vive in un’abitazione diversa

Nel caso affrontato dalla Cassazione la situazione era comprovata dalla circostanza che successivamente era intervenuta la separazione legale

/ Antonio PICCOLO

Lunedì, 23 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con una serie di pronunciamenti gemelli (Cass. nn. 24294/2020, 24295/2020, 24296/2020 e 24538/2020), è tornata sulla vexata quaestio del corretto trattamento ICI dell’abitazione principale dei coniugi, non legalmente separati né divorziati, con dimora abituale in due unità immobiliari urbane situate in Comuni diversi.

I giudici di legittimità hanno riconosciuto l’esenzione ICI, prevista dall’art. 1 del DL n. 93/2008 (conv. L. n. 126/2008), dopo avere appurato che il coniuge era separato di fatto dalla moglie e la situazione era comprovata dalla circostanza che successivamente era intervenuta la separazione legale.

Procedendo con ordine, si evidenzia che il marito, rimasto nel Comune di origine, impugnava distintamente e separatamente tre avvisi di accertamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU