X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

LAVORO & PREVIDENZA

L’INL non sanziona il committente di appalti per la verifica di ritenute fiscali

Il trattamento sanzionatorio relativo ai nuovi obblighi ex DL 124/2019 non rientra nella competenza dell’Ispettorato: afferisce alla materia fiscale

/ Mario PAGANO

Venerdì, 27 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il trattamento sanzionatorio, relativo ai nuovi obblighi a carico dei committenti di appalti c.d. labour intensive, introdotti con il DL 124/2019 (conv. L. 157/2019), non rientra nella competenza dell’Ispettorato nazionale del lavoro (INL), in quanto afferisce alla materia fiscale. Questo è quanto emerge dal parere n. 1037/2020, con il quale la Direzione Centrale coordinamento giuridico dell’INL ha esaminato e chiarito il campo di applicazione degli illeciti contenuti nel nuovo art. 17-bis del DLgs. 241/1997, inserito proprio dal DL 124/2019.

Tale ultima disposizione è stata prevista per fronteggiare i casi di omesso o insufficiente versamento, anche mediante l’indebita compensazione, delle ritenute fiscali sui percettori di redditi di lavoro dipendente, in ambito di appalti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU