X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Da definire il termine iniziale per la nota credito negli sconti «condizionati»

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Venerdì, 18 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella prassi commerciale è diffusa la previsione, da parte dei fornitori, di sconti contrattuali in denaro volti a fidelizzare la clientela o a incrementare le vendite dei propri prodotti.

Questi possono essere declinati nella forma dello sconto “incondizionato” o “condizionato”, a seconda che siano subordinati o meno al verificarsi di eventi successivi (ne sono un esempio gli sconti concessi a fronte del pagamento alla consegna).

In entrambi i casi, poiché lo sconto determina la riduzione del prezzo dei beni ceduti o dei servizi prestati, e quindi la riduzione della base imponibile IVA, si pone il problema di come operare, su base facoltativa, la variazione ai fini dell’imposta. In particolare, possono sorgere dubbi circa l’individuazione del termine a partire ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU