X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 14 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Occorre valutare la professionalità per escludere il demansionamento

/ Giada GIANOLA

Venerdì, 29 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il demansionamento del lavoratore può ritenersi configurabile, alla luce di una recente sentenza della Corte di Cassazione (Cass. n. 434/2021), anche quando allo stesso, sin dal suo inserimento in azienda, vengano affidati compiti rilevanti quanto le mansioni indicate nella lettera di assunzione ma, in concreto, estranei alla sua professionalità specifica.

Nel caso oggetto della citata sentenza il lavoratore era stato assunto come “Responsabile del controllo di gestione”. Sin da subito, però, gli erano stati assegnati degli incarichi, anche di responsabilità (come responsabile amministrativo, responsabile finanziario e responsabile dell’analisi dati e statistiche), per i quali il dipendente non possedeva alcuna competenza specifica né aveva ricevuto alcuna formazione. Dall’assegnazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU