X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Richiamo della Cassazione sugli esborsi dei soci

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 22 gennaio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un aspetto che spesso si presenta problematico in ambito societario, e suscettibile di ingenerare controversie, attiene alla corretta qualificazione delle somme che i soci versano in favore della società. Appaiono, quindi, rilevanti, e da ricapitolare, le indicazioni fornite in materia da una recente ordinanza della Cassazione (la n. 29325/2020).

Si ricorda, innanzitutto, come i soci possano versare denaro alla società sotto forma di conferimenti, finanziamenti, versamenti a fondo perduto o in conto capitale e versamenti finalizzati ad un futuro aumento del capitale.
I conferimenti sono apporti di capitale di rischio che vanno a comporre il capitale sociale nominale in modo esattamente ad essi corrispondente. Essi possono essere, pertanto, restituiti ai soci in forma di residui post liquidazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU