X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Diritto di recesso del socio di srl per clausola di mero gradimento dubbio

/ Edoardo MORINO

Sabato, 27 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Fra le circostanze che possono giustificare l’esercizio, da parte del socio di srl, del diritto di recesso ex art. 2473 c.c., l’art. 2469 c.c., nel disciplinare il trasferimento delle quote, indica, al comma 2, l’ipotesi in cui l’atto costitutivo subordini il trasferimento al gradimento di organi sociali, soci o terzi senza prevederne “condizioni e limiti”.
È discusso se per il socio sia possibile esercitare il diritto di recesso laddove l’atto costitutivo contenga una clausola di “mero gradimento”.

Il Tribunale di Terni 28 giugno 2010 afferma che la ratio dell’art. 2469 comma 2 c.c. non è connettere l’insorgenza del diritto di recesso all’astratta previsione statutaria del gradimento (in questo senso deporrebbe l’espressione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU