X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sulla confisca della prima casa per il reato tributario Cassazione non univoca

Considerati i diversi orientamenti sul punto, è necessario un intervento delle Sezioni Unite anche alla luce dell’importanza degli interessi coinvolti

/ Ciro SANTORIELLO

Lunedì, 8 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il tema della confisca della “prima casa” del contribuente infedele condannato o indagato per illeciti fiscali è posto di frequente all’esame della Corte di Cassazione, la quale tuttavia assume un atteggiamento oscillante.

Il problema origina dalla previsione di cui all’art. 76 comma 1 del DPR 602/1973, in tema di riscossione delle imposte, il quale prevede che “l’agente della riscossione: a) non dà corso all’espropriazione se l’unico immobile di proprietà del debitore, con esclusione delle abitazioni di lusso ..., è adibito ad uso abitativo e lo stesso vi risiede anagraficamente; b) nei casi diversi da quello di cui alla lettera a), può procedere all’espropriazione immobiliare se l’importo complessivo del credito per cui procede supera

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU