X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Ammissibile la compensazione giudiziale nel fallimento

Rileva il momento genetico del credito e non il momento compensativo

/ Francesco DIANA

Mercoledì, 24 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la pronuncia n. 1047/2021, la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di compensazione fallimentare, ritenendo ammissibile non solo la compensazione legale, ma anche quella giudiziale, allorquando, al momento della dichiarazione di fallimento, sussistano i requisiti di cui all’art. 1243 c.c.

La pronuncia in esame, in particolare, muove dal rigetto della Corte di Appello circa la richiesta, avanzata dal creditore in bonis, di vedersi compensare il proprio controcredito con la pretesa creditoria della curatela, oggetto, altresì, di decreto ingiuntivo. La ragione del rigetto, secondo i giudici di merito, risiede nella considerazione che la compensazione fallimentare, quale speciale ipotesi di compensazione legale, non possa operare quando il credito che si intende compensare sia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU