X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Per provare il pagamento tracciato non basta la testimonianza del lavoratore

Il rispetto dell’obbligo di retribuire i lavoratori mediante strumenti tracciati può avvenire solo attraverso riscontri documentali oggettivi

/ Mario PAGANO

Mercoledì, 24 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La dichiarazione del lavoratore, che confermi al personale ispettivo di non essere stato retribuito in contanti, non esclude l’applicabilità della sanzione prevista per il mancato pagamento delle retribuzioni mediante sistemi tracciati. Ciò nelle ipotesi in cui detta dichiarazione non trovi ulteriori riscontri oggettivi, attraverso specifiche verifiche svolte dal personale ispettivo presso gli stessi istituti di credito, a seconda della tipologia di sistema di pagamento adottato dal datore di lavoro.
Questo è quanto emerge dal parere n. 473/2021 con il quale l’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) è ritornato, dopo diverso tempo, su un tema, quello dell’obbligo di retribuire i lavoratori attraverso sistemi tracciati, che all’epoca della sua introduzione aveva sollevato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU