Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sponsorizzazioni deducibili in assenza di corrispondente ritorno commerciale

L’inerenza non può essere solo quantitativa

/ Francesco BRANDI

Martedì, 9 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In tema di spese di sponsorizzazione, non si può escludere l’inerenza del costo basandosi solo sulla sproporzione dello stesso in termini di ritorno commerciale; l’antieconomicità rappresenta infatti solo un indice sintomatico che non è in grado, da solo, di interrompere la correlazione con l’attività esercitata.
Lo ha sancito la Cassazione che, con l’ordinanza n. 6368 dell’8 marzo 2021, ha accolto il ricorso di una società che aveva sponsorizzato alcune auto di gran turismo, ribaltando i gradi di merito che avevano visto la conferma degli avvisi di accertamento impugnati.

In particolare, secondo la Regionale, i costi di sponsorizzazione erano da considerarsi non inerenti in quanto incongrui rispetto all’attività sponsorizzata (auto di gran turismo) e al presumibile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU