X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Per l’interdizione della lavoratrice madre contano le mansioni effettive

L’INL chiarisce che per il provvedimento occorre fare riferimento non alla valutazione dei rischi ma ai compiti effettivamente svolti

/ Mario PAGANO

Sabato, 3 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’adibizione concreta della lavoratrice a mansioni vietate e pericolose in rapporto al suo stato di gravidanza o al periodo successivo al parto, danno diritto alla stessa di astenersi dal lavoro, ottenendo la relativa indennità. Ciò indipendentemente dalla circostanza che il datore di lavoro, nel documento di valutazione dei rischi (DVR), abbia proceduto a una valutazione della mansione e dei rischi a essa collegati. Questo quanto emerge dal parere n. 553/2021 con il quale l’Ispettorato nazionale del lavoro (INL), per ragioni di uniformità di comportamento, fornisce indicazioni interpretative circa alcune norme contenute nel DLgs. 151/2001, c.d. Testo unico della maternità, finalizzate alla tutela delle lavoratrici madri e, rispetto alle quali, gli ispettorati territoriali svolgono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU